Il problema del randagismo esiste da sempre. E da sempre esistono persone che cercano di risolverlo e di aiutare i nostri piccoli amici a quattro zampe. Oltre ad adottare un animale, che è l’azione più generosa che uno possa fare, ci sono però anche altre accortezze.

 

La cuccia con pannelli solari

Due studenti del liceo artistico di Ahmet Yakupoğlu, nella provincia di Kütahya, nella Turchia occidentale, hanno realizzato una cuccia per animali randagi che viene riscaldata utilizzando l’energia solare. Questa viene immagazzinata in una batteria che la trasferisce a un tappetino sul pavimento della cuccia per tenere gli animali al caldo in qualsiasi condizione. Un progetto ecologico, ma anche economico: il costo totale stimato dagli studenti è di circa 100 lire turche, pari a meno di 17 euro.

La cuccia fatta di materiali riciclati

Un’associazione di Santo Domingo che si occupa di cani randagi ha già pensato a qualcosa di simile. Alcuni studenti del gruppo Colectivo ReVark, che studia e progetta applicazioni sostenibili, hanno pensato a rifugi progettati per integrare tra loro cubi precedentemente utilizzati per la spedizione di materiali liquidi. Sopra i cubi, un pannello solare di dimensioni superiori rispetto al tetto del cubo, ombreggia la cuccia e l'area antistante e produce 200 watt per tetto solare. All'interno della struttura riciclata e a energia rinnovabile i randagi possono vivere il resto dei loro giorni in pace e felicità. Il coinvolgimento degli studenti nasce proprio dal tentativo di portare l'edilizia sostenibile e le fonti pulite a basse emissioni di CO2 direttamente nella costruzione del rifugio.

Il distributore di cibo per animali randagi

Oltre a un posto dove stare, i randagi hanno bisogno anche di acqua e cibo. La soluzione proposta a Instanbul è molto innovativa e risolve anche un altro problema: quello dell’inquinamento.

Il piano si chiama Pugedon, è stato messo a punto dalla società JSC Yucesan e prevede l’installazione di alcuni distributori automatici che, in cambio di bottigliette e rifiuti di plastica, consegnano cibo e acqua per cani e gatti abbandonati e randagi. A partire dai costosi croccantini.

In questo modo si riesce ad avviare al riciclo un quantitativo maggiore di bottiglie e si sostentano animali in difficoltà, garantendo loro un pasto sicuro.

I dispositivi per la trasformazione delle bottiglie in cibo si trovano principalmente nei pressi di parchi e giardini pubblici: tutti i cittadini, prima di procedere con il riciclo, possono versare l’acqua che rimane nelle bottigliette all’interno di apposite ciotole destinate ai randagi.

La cuccia antipetardi

Dedicata a tutti gli animali, e non solo a quelli randagi, c’è poi la cuccia antipetardi. Una cuccia super tecnologica per animali domestici in grado di filtrare tutti i rumori più fastidiosi, soprattutto quelli dei petardi nella notte di Capodanno.

L’idea è della casa automobilistica Ford ed è dotata della stessa tecnologia inserita nell’Edge Suv che permette di eliminare i rumori provenienti dal motore. La presenza di un microfono esterno serve a rilevare i suoni che possono innervosire l’animale: il sistema di conseguenza emette delle onde sonore che vanno a cancellare, o perlomeno a ridurre in maniera sensibile, tutte le altre. In più l’intera struttura è realizzata con uno spesso rivestimento di sughero, materiale molto isolante anche dal punto di vista acustico, e presenta un sistema interno di ventilazione. È appoggiata su una superficie rialzata che riduce le vibrazioni: il cane può così rimanere all’interno della cuccia senza essere minimamente disturbato da quello che succede al di fuori.

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.