Avete i capelli rossi, o ricci? O peggio: entrambe le cose? Lo sappiamo: non ci sono le emoticon per voi. Ci sono per tutti: bambini, gay, neri, asiatici, bianchi, dai cappelli lunghi e corti, biondi, mori, bianchi e castani. Ma per voi, ricci e dai capelli rossi, niente di niente. È la discriminazione 2.0. Sembra uno scherzo, ma la crisi d’identità su Whatsapp di chi non trova l’emoticon che lo rappresenti ha portato alla nascita di gruppi sui social e petizioni online. La richiesta era sempre quella: vogliamo anche noi le nostre faccine.

Ebbene, tenetevi forte: il 2018 sarà la rivincita delle rosse. Noi italiani pensiamo subito alle Ferrari, e ci auguriamo in effetti che sia pure l’anno buono per la scuderia di Maranello. Vedremo. Sicuramente però sarà l’anno delle rosse (e rossi) di chioma. Ad annunciare l’arrivo delle nuove faccine è stato il direttore del sito Emojipedia Jeremy Burge: a partire dall’anno prossimo l’Unicode Cosortium, l’ente internazionale che si occupa di armonizzare la standardizzazione dei caratteri e l’interoperabilità fra i dispositivi di produttori diversi, inserirà tra gli aggiornamenti anche le faccine con i capelli rossi. E così sarà abbattuta anche l’ultima discriminazione ai tempi dei social. 

(C.Z.)

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.