Anche il commercio guarda sempre di più alla sostenibilità dei prodotti, un perfetto esempio è in Olanda, dove un supermercato di Amsterdam offre oltre 700 prodotti completamente “plastic-free”. Gli imballaggi, ma anche i prodotti stessi, sono completamente compostabili oppure in metallo e vetro, la plastica è stata completamente dimenticata.

Si tratta di un punto vendita della catena di cibo biologico Ekoplaza, che ha promesso di estendere simili reparti in tutti i suoi 74 supermercati del Paese entro la fine del 2018. «Si tratta di una pietra fondamentale per un futuro migliore» ha dichiarato il presidente di Ekoplaza Erik Does.

Insomma l’alternativa esiste, è possibile davvero dire addio alla plastica. L’annuncio arriva in un momento in cui l’Europa, e non solo, sta cercando di ridurre al massimo l’utilizzo del materiale derivato dal petrolio, i cui rifiuti ormai abbondano sulla terraferma e nei mari di tutto il mondo. L’Ue ha così dichiarato guerra alla plastica, chiedendo ai paesi membri di far sì che quella utilizzata sia completamente riciclabile entro il 2030.

A farsi sentire è anche la premier britannica Theresa May, che ha proclamato nuove misure per ridurre sensibilmente l’utilizzo di questo materiale. Intanto la Cina ha fatto sapere che non accoglierà più le milioni di tonnellate di plastica che sinora accettava dai paesi occidentali per smaltirli sul proprio territorio. 

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.