La cucina è diventata ormai un campo di battaglia. Onnivori, carnivori, vegetariani, vegani e perfino fruttariani portano avanti le loro teorie alimentari come fossero il mantra della dieta perfetta per tutti. Ma sono tanti i fattori che influiscono sulla nostra scelta alimentare: dalla cultura, alla situazione fisica, fino ad arrivare al vasto mondo della tecnologia alimentare che non smette di regalarci sorprese, spesso anche un po’ inutili.

Forse è proprio questo il caso di Marrot, una carota di carne pensata proprio per rispondere al tanto di moda hamburger vegetale. La trovata, piuttosto insolita, è della catena di fast-food statunitense Arby’s

 

Una carota di carne nell’eterna lotta tra carnivori e vegetariani

L’hamburger vegetale è stato considerato un vero e proprio affronto per gli amanti della carne. Ecco allora come a dare il contrattacco arriva il gigante americano dei fast-food Arby’s con la sua Marrot: carne, dalle sembianze della carota. Il nome infatti è un perfetto mix tra i due: meat+carrot=marrot. 

Un’idea talmente assurda che diventa quasi geniale. Per la prima volta nella storia ci troviamo davanti a un “megetables”, un cibo preparato partendo da un petto di tacchino sminuzzato, condito e arrotolato per arrivare alla forma della carota. 

Per renderla ancora più “carota”, gli inventori di marrot non hanno tralasciato nemmeno la scelta dei colori. Una volta cotta sotto vuoto in acqua bollente, la carne viene ricoperta da polvere di carota per diventare arancione come l’ortaggio. Infine, marrot viene servita con un ciuffetto di prezzemolo per completare la trasformazione estetica di quello che una volta era un tacchino.

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.