Giacarta sta affondando a un ritmo di 25 cm l’anno, quasi la metà ad oggi è già sotto il livello del mare. Per questo il presidente indonesiano ha annunciato in questi giorni che verrà costruita una nuova capitale in un’area oggi coperta da una foresta vicino alle città di Balikpapan e Samarinda. Si stima che il progetto arriverà a costare circa 33 miliardi di dollari.

L’intenzione di costruire una nuova capitale amministrativa, di cui ancora non si conosce il nome, era stata resa nota da tempo, ma non si sapeva dove il governo avesse intenzione di stanziarla. L’area scelta è oggi coperta da una foresta di 180 mila ettari.

 

L’idea del governo

"La posizione è strategica perché è nel centro dell'Indonesia", ha affermato il presidente, spiegando che in quest'area sono minimi i rischi di disastri legati a inondazioni, terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche. "Da grande nazione che è indipendente da 74 anni, l'Indonesia non ha mai scelto la sua capitale", ha proseguito spiegando che il governo ora presenterà al Parlamento un disegno di legge per il trasferimento.

Il governo punta a trasferire uffici, sedi istituzionali e circa un milione e mezzo di funzionari pubblici entro il 2024. Il 19% del costo sarà sostenuto direttamente dai proventi delle casse statali, mentre il resto verrà finanziato da privati o partnership tra pubblico e privato.

 

L’impatto ambientale

Un progetto del genere non poteva passare in osservato. In un momento in cui i polmoni della Terra stanno andando a fuoco solo per colpa dell’uomo, che si parli di distruggere altri milioni di ettari di foresta è inconcepibile.

Gli ambientalisti sono già scesi in campo e si sono dichiarati assolutamente contro la decisione del governo indonesiano, sostenendo che costruire una capitale nel mezzo di una foresta creerà gravissimi danni ambientali. Come se non ne avessimo già causati abbastanza.

 

Perché Giacarta sta affondando?

Lo sprofondamento di Giacarta è causato dalle condizioni strutturali in cui si trova. Una megalopoli da 10 milioni di abitanti le cui fondamenta sono state indebolite anche dal pompaggio delle falde acquifere. Parti della capitale stanno affondando al ritmo di 25 centimetri l'anno e quasi metà si trova sotto il livello del mare.

Uno studio dell'Istituto di Tecnologia di Bandung ha stabilito che il 36% di Giacarta potrebbe trovarsi sott'acqua entro il 2050. Inoltre la capitale è paralizzata dal traffico per molte ore del giorno e il governo stima i danni causati in 7 miliardi di dollari l'anno.

Ora costruiremo un’altra Giacarta a spese sempre della natura. Dove costruiremo quando finiremo lo spazio disponibile?

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.