Il mercato dell’auto sta cambiando. È un cambiamento, fino a questo momento, lento ma inesorabile. Nelle strade si vedono sempre più automobili ibride ed elettriche e un po’ meno automobili a benzina o diesel. In forte crescita anche le vetture alimentate a metano e Gpl, automobili decisamente meno inquinanti di benzina e diesel.

In questo contesto di crescita delle auto ecologiche non sono considerate le vetture alimentate ad idrogeno, tecnologia ancora giovane che nei prossimi anni – si parla di un decennio – potrebbe trasformare ulteriormente il mercato automobilistico.

Gli investimenti dei costruttori

La grande spinta verso le automobili green è stata data dalle case orientali, Toyota e Hyundai su tutte, e da Tesla. Queste case automobilistiche fino a questo momento hanno quasi monopolizzato il mercato delle ibride e delle full electric. Questo grazie all’intuizione dei manager che fin dai primi anni 2000 hanno investito in queste nuove tecnologie, e che stanno sperimentando ancora.

Le grandi case europee e americane hanno sonnecchiato. Non sono riusciti subito a cambiare la loro produzione, ma adesso con un po’ di ritardo stanno investendo pesantemente su ibrido e full electric. Nell’ultimo anno sono stati messi in vendita molti nuovi modelli ecologici. Ormai la versione ibrida di un nuovo, o anche vecchio, modello è d’obbligo.

I primi 29 costruttori del pianeta hanno già pianificato, per la transizione all’elettrico e all’ibrido, investimenti per oltre 300 miliardi di dollari nell'arco del decennio. E già entro il 2025 è previsto il debutto sul mercato mondiale di 400 nuovi modelli tra elettriche e ibride. Una rincorsa quella dei grandi costruttori europei e americani necessaria.

Le stime per il 2030

Il 2030, secondo gli esperti, sarà l’anno in cui le immatricolazioni di auto elettrificate supererà quelle di auto con motori tradizionali. Una previsione che ad oggi sembra abbordabile, vista la crescita del mercato delle auto elettrificate, ma che dovrà scontrarsi con una serie di problemi da una parte e con dei vantaggi dall’altra.

Le tecnologie per le auto elettrificate fanno passi da giganti. Non c’è anno in cui le batterie non sono più prestazionali, che le colonnine per i rifornimenti aumentino e che il costo diminuisca. Sì perché il costo delle batterie sta crollando, portando le auto elettriche su una fascia di mercato abbordabile. Questo naturalmente è dovuto anche alla maggiore concorrenza.

Anche il problema della ricarica, che oggi non fa puntare sulle full electric, man mano sarà sempre meno incidente. Le batterie permettono un’autonomia sempre maggiore, e le colonnine per ricaricarle si moltiplicano. Questo oggi è il disincentivo più grande per la maggiore diffusione di auto elettrificate, una volta risolto la strada sarà spianata.

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.