Il sole, la luna, le stelle. Li guardiamo sempre con fascino. Quasi fossero quella parte di noi lontanissima ma sempre presente. È la luce che crea emozione. Perché la luce è vita. Lo sa bene Giammaria Ravetti, presidente di Spacecannon SNe e creatore di emozioni. La mission è quella di riportare allo splendore il brand, già tra le eccellenze del made in Italy nel mondo. Mission che sta riuscendo particolarmente bene, più all’estero che in Italia, come purtroppo spesso avviene. Ravetti, insieme a quelli che lui chiama “colleghi”, è riuscito ad arrivare all’eccellenza nel settore dell’illuminazione, grazie alla capacità di vedere nella luce un fatto emozionale. Tanto per capire: Ravetti e la Spacecannon SNe, sono coloro che, tra le altre cose, hanno riprodotto con la luce le torri gemelle a Ground Zero e che ogni anno sono i protagonisti del September 11 Memorial.

«È una passione nata per caso la mia, come sempre succede - racconta Ravetti -. Sono entrato in contatto con il mondo dell’illuminazione nel ’96, e nel 2016, dopo aver fatto carriera nell’azienda, ho deciso di rilevarla, riportandola ad essere una delle eccellenze del made in Italy nel mondo. Una sfida possibile grazie alle persone che collaborano con me, estremamente competenti e in grado di mettere in atto la mia creatività». Inseguendo la curiosità che pone al centro della propria essenza il perché delle cose, Spacecannon SNe ha osservato ciò che da sempre battezza la loro esistenza: la luce, nelle sue differenti forme e colori. E così la meccanica, l’elettronica e la fisica sono in grado di riprodurre le emozioni che illuminano la nostra quotidianità.

«Mi definisco un sognatore - continua Ravetti - per me chiunque al mondo deve avere la possibilità di esprimersi liberamente. Henry Ford diceva "C’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti". Questo è quello che cerchiamo di fare. La luce è il risultato dell’addizione di tante cose, noi lo facciamo diventare un concetto estetico ed emozionale che va oltre la sua funzione tecnica e che caratterizza tutte le apparecchiature made in Spacecannon SNe. Non vendiamo prodotti per l’illuminazione, facciamo qualcosa di unico rispetto ai nostri competitors: produciamo emozioni sotto forma di luce». Motivo, questo, che ha fatto sì che Ravetti e la sua Spacecannon SNe, venissero scelti per il September 11 Memorial di New York. «Siamo stati scelti perché eravamo gli unici al mondo a riuscire a riprodurre le torri, quando altri presentavano problemi di prospettiva e fattibilità, la nostra realizzazione è invece stata perfetta. Gli organizzatori e le istituzioni newyorkesi ci hanno sempre riconosciuto il fatto che non ci siamo mai fatti pubblicità per questo evento. E io ne vado orgoglioso, perché so che è stata la scelta giusta. Chi fa illuminazione, da sempre vive nell’ombra».

In questo senso Spacecannon SNe è come una sartoria di luce in grado di cucire abiti luminosi e sempre diversi con il filo della conoscenza e l’ago della creatività riuscendo a tradurre in realtà i progetti di un light designer e uomo del futuro come Giammaria Ravetti.

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.