Sono destinati a diventare il miglior amico dei viaggiatori. Sono gli scanner in grado di catturare in 3d il contenuto del bagaglio a mano che sottoponiamo a controllo prima di imbarcarci su un aereo. Per ora sono in fase di sperimentazione ma, una volta entrati a regime, ci permetteranno di far passare il bagaglio a mano così com’è, senza dover estrarre liquidi per inserirli in una bustina separata, togliere notebook, tablet, posizionarli in un altro cestino e poi finalmente passare.

La fase di test è in corso negli aeroporti di Ginevra e Londra Heathrow e offre per il momento risultati incoraggianti: le scansioni sono molto precise e si gestiscono più di 200 passeggeri nello stesso tempo in cui ne venivano gestiti 100 con il metodo tradizionale. L'ipotesi è che entro la fine dell'anno verranno impiegati in diversi aeroporti sparsi per il mondo. 

L'ultimo a partecipare alla fase di test è l'aeroporto JFK di New York, uno dei più trafficati al mondo. Sarà direttamente American Airlines a installare il dispositivo, che userà una tecnologia analoga ai macchinari per la TAC di ultima generazione. Questo permetterà ai passeggeri di lasciare liquidi, gel, profumi e laptop all'interno dei bagagli a mano. Per analizzare il bagaglio in 3D ci sarà bisogno di qualche istante in più rispetto al metodo tradizionale, tempo recuperato grazie alla rapidità con cui il passeggerò supererà i controlli di sicurezza. Al momento è prevista l’installazione di 15 dispositivi entro l’anno, le previsioni vorrebbero che tutti gli aeroporti d'America ne avessero uno entro cinque anni.

 

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.