Hanno già fatto la loro prima comparsa sugli scaffali dei supermercati inglesi. Sono le etichette intelligenti ideate dall'Imperial College di Londra applicate ai cibi confezionati che, una volta aperti, cambiano colore, trasformandosi dal giallo al viola con il passare dei giorni. Quando sono viola, indicano che ormai il contenuto all’interno è da buttare. Un supporto al consumatore per decidere quando disfarsi di un alimento magari dimenticato nel frigorifero o quando, meglio ancora, provvedere a consumarlo prima che sia tardi, per ridurre gli sprechi alimentari.

Un’altra tipologia di etichette intelligenti sono quelle ideate da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali della Bicocca e dell'Imperial College di Londra con il coordinamento di Luca Beverina, professore associato di Chimica Organica. Il suo funzionamento si basa su una reazione chimica capace di attivare un pigmento organico depositato su una pellicola di silice porosa, che si applica sulla confezione del prodotto. Il pigmento viene “programmato” in modo che sia incolore; se durante il suo tragitto l'alimento non rispetta la catena del freddo l'etichetta assume rapidamente un colore blu chiaro, e se rimane per 3 ore a temperatura ambiente diventa blu scuro. La colorazione è sempre irreversibile, in modo da permettere a consumatori e distributori di sapere se la conservazione dell’alimento sia più o meno compromessa.

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.