Fedez non poteva certo lasciarsi scappare un’occasione del genere. L’idea è venuta a una start up di Treviso, la Zerogrado, una software company che si è posta come obiettivo quello di abbattere le barriere tra i produttori di contenuti video sul web e gli utenti. Il fine è quello di fidelizzare i followers e creare partecipazione.

Se prima la comunicazione era di uno a molti, con l’influencer che pubblica contenuti e gli utenti decidono se seguirlo o no, con Zerogrado vengono azzerati i gradi separazione a favore di una comunicazione più immediata e meno mediata. La startup, fondata da Vladimiro Mazzotti, Renzo Giust e Massimo Scarpis, riduce le distanze tra le icone e i fan integrando l’app con le piattaforme di messaggistica istantanea, raggiungendo direttamente sul proprio telefonino ogni singolo utente interessato. Ogni volta che un personaggio pubblico o uno youtuber pubblica un video, una notifica viene inviata come avviso all’utente, in modo da raggiungerlo in tempo reale e aumentare il grado di partecipazione rispetto ai social media tradizionali. La percentuale che il video possa essere visualizzato impenna vertiginosamente. Incrementando il business e la notorietà. E il “divo” è come se diventasse un amico fra i tanti che ci scrivono su messanger, non diverso dall’ultimo contatto aggiunto pur non avendolo mai visto di persona.

Internet sta abbattendo sempre di più le barriere, Zerogrado propone un nuovo modo di comunicare, capace di unire in una intimità senza precedenti. Per ottenere questo risultato il team di Zerogrado mette a punto un metodo preciso che si articola sostanzialmente in tre fasi. Tre operazioni congiunte alla dinamica del gamefication che, in una società come quella italiana cresciuta a pane e quiz, non potrà che ottenere un buon seguito. Anche sul web il sistema del gioco a premi può ottenere risultati importanti. Unito poi alla venerazione per il nostro personaggio del cuore, si crea un mix promettente. L’app prevede che le dinamiche di gioco producano l’engagement dei fan e che l’interazione dia la possibilità di gratificare i più fedeli con premi, come ad esempio lo sblocco di contenuti premium. Infine, una piattaforma integrata nel sistema permette la vendita di prodotti esclusivi. Un business completo dunque, che va dalla diffusione dei contenuti alla cura della reputazione, dalla coltivazione della propria community al merchandising.

I fan vivono un’esperienza familiare e il creatore di contenuti video ha la possibilità di avere un controllo assoluto sulla propria attività in rete grazie a un’apposita dashboard che registra l’andamento del canale. Inoltre, sfruttando i big data, un database registra le caratteristiche del fan in modo da non essere più un semplice numero, ma mantenere la sua precisa identità. Anche se calato nella dimensione dispersiva dei seguaci di un influencer.

L’app ha già raccolto 1,3 milioni di euro da imprenditori digitali e artisti. Tra loro Mauro Del Rio, Fabio Cannavale, Nicola Lambretti, Marco Ferrari e Marco Franciosa. Nata pensando ai tanti youtuber che si aggirano sui social, in futuro coinvolgerà anche sportivi. Alcuni test sono infatti stati effettuati da El Shaarawy. Ora anche Fedez investe sulla startup innovativa. Che dietro ci sia lo zampino della neomoglie Chiara Ferragni?

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.