Lungo i canali di Amsterdam partirà la sperimentazione dei primi battelli autonomi: i Roboat. A guidare il progetto c’è un italiano, Carlo Ratti.

Le barche sono pensate non solo per il trasporto: i primi prototipi vedranno la luce alla fine di quest’anno e già si pensa di sfruttarli anche per il monitoraggio ambientale. I moduli galleggianti, senza la necessità di operatori a bordo potrebbero, infatti, rimuovere rifiuti o agenti inquinanti dai canali e condurre costantemente indagini sui fondali identificando immediatamente eventuali problematiche. C’è anche un altro compito che Roboat potrebbe assolvere: è perfetto per il recupero delle biciclette che ogni anno, a decine di migliaia, finiscono sul fondo dei canali di Amsterdam.

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.