Per chi non vede il mondo tutto rose e fiori ma vuole comunque cercare l’amore c’è Hater, l’ultima app di dating che ti suggerisce un partner solo se odia le tue stesse cose. Basta con i primi appuntamenti dove nessuno dei due si sbilancia per paura di fare un passo falso: chi si affida a Hater ha voglia di mettere subito le cose in chiaro.

Gli appuntamenti sono scelti sulla base delle risposte fornite a una serie di domande. L’app sceglie poi tra i possibili partner quelli più vicini, ma solo se entrambi si piacciono la chat può avere inizio. L’interfaccia è molto simile a quella di Tinder, dove s’indicano le proprie preferenze con un semplice tocco del dito, tra una sfilza di fotografie proposte.

Hater è disponibile sullo store di Apple e a breve anche per Google. Pensata per il mercato globale è diffusa soprattutto in America. E forse è diffusa soprattutto tra i democratici...Già, perché al primo posto tra i più odiati c’è Donald Trump, con un 78% di utenti che lo detesta. Nata da poco è già tra le app più scaricate, anche se la concorrenza è molto agguerrita: Tinder conta oltre 100 milioni di download e un milione e mezzo di abbonati alla versione premium a pagamento. Del resto il giro di affari che generano le app di dating è immenso: incluso l’indotto parliamo di 6,7 miliardi di euro in Italia e quasi 26 miliardi in Europa.

Instant Future

Instant Future (IF) è un progetto di comunicazione digitale sui temi dell'innovazione, del futuro prossimo e della tecnologia che migliora la vita dell'uomo.


Social


© Copyright 2018 Instant Future - All rights reserved.